Esine – Da Esine a Ponte di Legno, passando da Breno e Edolo, saranno potenziati i servizi sanitari con rafforzamento della Rete Territoriale e implementazione delle cosiddette “Case della Comunità” e degli “Ospedali di Comunità”, da realizzare ristrutturando strutture già esistenti o creandone di nuove.

Cinque gli interventi programmati per la sanità camuna da Regione Lombardia e ATS della Montagna, in particolare la Sede del Poliambulatorio di Ponte di Legno ospiterà la Casa della Comunità; l’ospedale di Edolo ospiterà l’Ospedale di Comunità e anche la Casa della Comunità; la sede ASST di Breno ospiterà la Casa della Comunità; la sede ASST di Darfo Boario Terme ospiterà la Casa della Comunità e l’ospedale di Esine ospiterà l’Ospedale di Comunità.

Con il coordinamento di Regione Lombardia e in collaborazione con ATS della Montagna prosegue l’attività necessaria, sotto il profilo tecnico-amministrativo, alla definizione e alla realizzazione delle progettualità da implementare nell’ambito del Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza (PNRR), allo scopo di potenziare i servizi
ospedalieri e territoriali della sanità camuna. Le progettualità definite, che coinvolgono il Polo Ospedaliero e la Rete Territoriale, ammontano attualmente a circa 70 milioni di euro, tuttavia l’affinamento dell’iter progettuale prevede lo stanziamento di ulteriori potenziali risorse.

Cardine della strategia del rafforzamento della Rete Territoriale è l’implementazione delle cosiddette “Case della Comunità” e degli “Ospedali di Comunità”, da realizzare ristrutturando strutture già esistenti o creandone di nuove.

Questa settimana si è compiuto un importante step nel calendario del Piano Strategico previsto da Regione Lombardia, in quanto, con la DGR n.XI/5373 del 11/10/2021, sono stati identificati e definiti ufficialmente dalla Giunta Regionale gli edifici esistenti del Servizio Socio Sanitario Regionale (SSR) ritenuti idonei, sulla base dell’attività istruttoria espletata, per svolgere la funzione di Casa della Comunità o Ospedale di Comunità.

In particolare per quanto riguarda l’ASST della Valcamonica saranno oggetto di intervento i seguenti 5 edifici di proprietà: Sede Poliambulatori di Ponte di Legno, ospedale di Edolo, sede ASST di Breno, sede ASST di Darfo Boario Terme e ospedale di Esine.

Entro il 1° dicembre le ATS dovranno far pervenire alla Direzione Generale Welfare i progetti di fattibilità tecnico-economica, i quali poi saranno approvati entro il 31 dicembre. Delle strutture sopra indicate ci sarà la graduale attivazione di almeno due Case della Comunità e un Ospedale di Comunità entro il 31 dicembre 2021.
La programmazione prevede inoltre entro Dicembre l’identificazione di interventi su edifici di proprietà degli Enti Locali ritenuti idonei per svolgere la funzione di Casa della Comunità o Ospedale di Comunità. Allo stato attuale vi è la proposta di realizzazione di una Casa della Comunità nel Comune di Pisogne. Le eventuali ulteriori necessità di Case della Comunità o Ospedali di Comunità per raggiungere il target richiesto dallo standard regionale minimo (per le zone di montagna una Casa della Comunità ogni 25.000 abitanti) saranno definite successivamente.

The post Sanità, nel PNRR cinque interventi da Esine a Ponte di Legno first appeared on Gazzetta delle Valli News dalle Valli Lombarde e Trentine.

dal giornale online: Gazzetta delle Valli News EDOLO
Leggi articolo originale

Rispondi