Esine – Prosegue la campagna vaccinale contro il Covid-19 e procede su più fronti. Come è noto il 18 febbraio ha preso il via la cosiddetta fase 1TER riservata agli ultra ottantenni. Questo nuovo capitolo della lotta contro il Coronavirus è iniziato e prosegue in parallelo con la fase 1BIS non ancora conclusasi.

Fase 1TER  – bilancio dei primi giorni e prossimi appuntamenti:

Ad oggi sono 15.537 gli ultra ottantenni dell’ATS della Montagna che hanno dato la loro preadesione per potersi sottoporre alla somministrazione del vaccino anti Covid-19. 8.836 si sono prenotati tramite il portale regionale, 6.387 tramite le farmacie e 814 tramite i medici di medicina generale. Dal 18 al 22 febbraio sono state vaccinate 1.257 persone di cui 747 in Valtellina e Alto Lario e 510 Valcamonica. Ad oggi l’ATS della Montagna è quella con la più alta percentuale  – oltre il 70% – di adesioni alla fase 1TER. Da ieri, lunedì 22 febbraio, sono coinvolti nella campagna vaccinale riservata agli anziani anche i Medici di Medicina generale che hanno aderito – più del 90%  all’iniziativa e che lavorano nei centri territoriali vaccinali. Oggi sono stati attivati altri due centri territoriali, Bormio e Capo di Ponte.

La campagna riservata agli anziani, dunque, prosegue secondo il seguente calendario:

– 23 febbraio: Bormio, punto intervento AREU

– 24 febbraio: Tirano, Palazzo Foppoli

– 25 febbraio: Berbenno di Valtellina, Teatro Quattro Torri

– 25 febbraio: Villa di Tirano, Polifunzionale

– 26 febbraio: Gravedona, Ospedale Moriggia – Pelascini

– 26 febbraio: Dubino, RSA Madonna del Lavoro

– 26 febbraio: Edolo, presidio ospedaliero

– 23 febbraio: Capo di Ponte, Fondazione Fratelli Bona

– 22 febbraio: Darfo Boario Terme, Fondazione Angelo Maj

Si ricorda che coloro che hanno fornito la preadesione saranno chiamati in base a due criteri (quindi avranno la precedenza):

– età anagrafica (dal più anziano fino ai nati nel 1941 compresi)

– comune di residenza più vicino alla sede vaccinale

ATS ricorda a chi riceve l’SMS di convocazione di arrivare in orario all’appuntamento, né in ritardo né con troppo anticipo onde evitare il rischio di attese e assembramenti. Si ricorda inoltre l’importanza di presentarsi qualora di abbia dato la propria adesione onde evitare che dosi di vaccino non utilizzate possano deperire e dunque dover essere gettate.

Fase 1BIS  – bilancio dei primi giorni e prossimi appuntamenti:

Per quanto riguarda la fase 1BIS proseguono le sedute in tutto il territorio dell’ATS della Montagna.

Come è noto questa fase della campagna riguarda:

– RSD, residenzialità psichiatrica

– Assistenza Domiciliare e loro operatori

– Centri Diurni (RSA)

– Farmacisti

– Confprofessioni (dentisti, odontoiatri ecc)

– Sanità militare

– Ambulatori accreditati e altri medici liberi professionisti

– Informatori scientifici del farmaco/altri operatori

– Altro personale da censire, anche in funzione delle indicazioni che saranno date dal Ministero

Così come per la fase 1A, i centri vaccinali per questa specifica fase della campagna sono i due HUB di rifermento per i due distretti dell’ATS della Montagna e dunque l’ASST Valtellina e Alto Lario e l’ASST Valcamonica.

Nel dettaglio:

– Ospedale di Sondrio

– Ospedale di Sondalo

– Ospedale di Chiavenna

– Ospedale di Esine

– Ospedale di Edolo

Per la fase 1BIS – che si prevede di concludere il 26 febbraio –  sono 4.006 le persone individuate e avanti diritto alla somministrazione del vaccino.

Complessivamente dall’inizio della campagna vaccinale – 4 gennaio 2021 – sono state somministrate nel territorio di competenza dell’ATS della Montagna 23.718 dosi (Pfizer e Astrazeneca) di cui 8.734 nel Distretto della Valcamonica e 14.984 nel Distretto Valtellina e Alto Lario.

The post ATS della Montagna, Covid-19: i numeri della campagna vaccinale first appeared on Gazzetta delle Valli News dalle Valli Lombarde e Trentine.

dal giornale online: Gazzetta delle Valli News EDOLO
Leggi articolo originale

Rispondi