Sondrio – Il consigliere regionale Simona Pedrazzi (Lega) ha apportato una modifica sostanziale all’ordine del giorno presentato dal Pd, relativo alla sanità di montagna. “Ho sostenuto in maniera convinta la richiesta presentata dal Pd regionale, sia di potenziare l’attività sanitaria e sociosanitaria dei presidi ospedalieri e territoriali tramite l’assunzione di personale sanitario ed infermieristico, sia di riqualificare le strutture e la medicina territoriale. Si tratta, infatti, di una richiesta che io stessa porto avanti da sempre e sulla quale credo dovrebbero convergere le forze e gli sforzi di tutti. Ho ritenuto comunque doveroso ampliare la richiesta formulata dal Pd per estenderla a tutti e 4 i presidi ospedalieri del territorio della Valtellina e Valchiavenna e non solo rivolta a quelli di Sondrio e Sondalo, come avrebbero voluto inizialmente gli esponenti del Pd, a cui vorrei comunque ricordare, che Regione Lombardia ha già messo in atto il progetto ARNICA sulla ATS Montagna”.

“La richiesta di supporto – conclude Pedrazzi- la rivolgo, quindi, in primis al governo, primo responsabile di tutte le inefficienze a cui abbiamo dovuto assistere durante l’emergenza sanitaria, chiedendo a gran voce di aumentare gli stanziamenti derivati dai recovery plan. E inaccettabile che, su un totale di oltre 200 miliardi, solamente le briciole siamo quelli destinati alla sanità. Invito quindi il Pd a farsi carico della questione direttamente al proprio governo e chiedere maggiore stanziamenti soprattutto per le aree di montagna”.

The post Sanità di montagna, intervento della consigliera Pedrazzi (Lega) sui presidi valtellinesi first appeared on Gazzetta delle Valli News dalle Valli Lombarde e Trentine.

dal giornale online: Gazzetta delle Valli News EDOLO
Leggi articolo originale

Rispondi